Crea sito

Autori in primo piano: Salty Wings

Michael Goetze e Jampal Williamson (alias Jumps) sono la coppia che ha realizzato la collezione fotografica aerea Salty Wings in Australia. Pur avendo lavorato soltanto in un circuito per droni per appena più di un anno, sono diventati in breve tempo gli esperti della fotografia aerea di paesaggi marini, unici nel loro genere e diversi da altre immagini già presenti sul mercato. Il loro successo è dovuto all’accurata pianificazione e ad una grande dedizione alla produzione di immagini eccezionali e vivide, e all’armoniosa collaborazione tra i due.
Michael e Jumps sono stati a Tahiti con Adobe Stock, e abbiamo avuto l’occasione di parlare per un po’ con loro degli inizi della loro carriera e dell’ascesa al successo.

Fotolia: Potete dirci qualcosa di più su voi stessi, e di come vi siete conosciuti?

Jampal Williamson: Mi chiamo Jampal – tutti mi chiamano Jumps – e ho diretto Salty Wings insieme a Michael Goetze. Troviamo e fotografiamo coste che ci sembrano particolarmente suggestive, e lo stiamo facendo da circa tre mesi.

Ho frequentato la stessa scuola superiore di Michael – ha cinque anni più di me. Non lo vedevo da cinque anni, ma poi l’ho incontrato di nuovo ad una festa. In quel periodo, Michael viveva su un bus nel retro di una cantina, e passava il tempo facendo surf. Avevamo entrambi la passione per la fotografia, così abbiamo semplicemente iniziato a fare foto insieme, poi abbiamo avuto l’idea di monetizzarla.

Fotolia: Qual è il vostro modo di lavorare insieme? E quando eseguite scatti da due droni diversi, come fate ad essere certi che le immagini finali possano corrispondere?

 Michael Goetze: Credo che abbiamo uno stile molto simile e un certo gusto per la composizione del prodotto finale, motivo per cui lavoriamo molto bene insieme. Siamo quasi sempre d’accordo su quello che dovrà essere l’aspetto finale delle foto. In un primo momento, ci interessiamo ad aspetti differenti, quindi quando ci separiamo per effettuare scatti ci confrontiamo con due contenuti piuttosto diversi. Ma siamo sempre in grado di raggiungere un accordo per decidere cosa escludere.

Io sono quello che ha più talento per gli affari, è un vero e proprio sfizio che ho bisogno di togliermi. Gestire un sito e-commerce e apprendere il business della fotografia è davvero interessante per me. Jumps è più creativo. Siamo abili in campi diversi, quindi tra noi il lato economico e quello artistico si completano a vicenda.

 Fotolia: Perché avete scelto il nome Salty Wings?

 JW: Tornando al 2015, quando abbiamo avuto l’idea di Salty Wings, eravamo alla continua ricerca di un nome che suonasse bene e che evocasse l’immagine dei droni che sorvolano le coste. Gli amici di Michael erano tornati da poco da una battuta di pesca, e durante il viaggio tutti i vecchi pescatori erano soliti chiamare “lupo di mare” chiunque incontrassero, in questo modo: “Ey! Lupo di mare, come va, amico!” E così, quando sono tornati, chiamavano scherzando “di mare” questo e quello, e così è venuto fuori il nome di “Salty Wings”.

 Fotolia: Perché, dal punto di vista creativo e professionale, viaggiare è così importante per voi?

 MG: Amo questo stile di vita – non c’è niente di meglio che visitare posti nuovi, conoscere gente nuova, e la fotografia è il modo migliore per adottare questo stile di vita. Odio restare bloccato nello stesso posto!

JW: Viaggiare mantiene accesa la curiosità. Ogni posto fa provare sensazioni nuove: si va in un bel posto, lo si vive, poi si va altrove e si vive un’esperienza totalmente diversa. Per me, è un modo di vivere che crea dipendenza.

continua su: Fotolia IT » Autori in primo piano: Salty Wings

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

8 − uno =

*

Translate »