Crea sito

Fotolia IT » Anny Wang, la massima espressione di flusso visivo

L’artista e designer di spazi svedesi, Anny Wang, è la prova di come la curiosità e la creatività superano l’importanza della formazione formale. Neolaureata alla scuola di design e artigianato presso l’Università di Göteborg, Wang ha accumulato un rispettabile portfolio al pari di un professionista stagionato con anni di esperienza nel settore, quando in realtà, ha soli 23 anni di età.

Tuttavia, tale precisione, proattività e suggestione di idee sono il frutto della sperimentazione guidata da irrequietezza e impazienza.

Senza restrizioni di struttura, si definisce come una progettista di spazi e arredi, nonché un interior designer. Nel frattempo la sua crescita in queste discipline è avvenuta in un modo ribelle. Originaria di un piccolo villaggio svedese, Wang è stata raramente suggestionata da qualsiasi tipo di influenza artistica; l’arte non era un argomento di conversazione nel suo ambiente. Infatti, i suoi genitori speravano che lei si dedicasse ad un’occupazione più classica e che sarebbe diventata un medico. Quindi è evidente che fu per pura ribellione adolescenziale che Wang decise di perseguire forme e colori e dedicarsi all’arte.

Tra le sue molte forme espressive, vale la pena notare che ha progettato mobili, modelli e abbigliamento, anche se ciò che le dà più piacere è la sua sperimentazione con gli spazi digitali tridimensionali. Le sue illustrazioni 3D spesso sfidano le leggi della fisica, come fa il suo progetto physlab, in collaborazione con il musicista e architetto Tim Söderström, dove ciò che prende forma, non è ciò che ci si aspetta, semplicemente per il piacere di eludere l’intorpidimento che ci può sopraffare quando sappiamo cosa accadrà e di conseguenza provocare una reazione.

Iridescenza, pastelli, texture, geometria e, soprattutto, oggetti lucidi, sono gli elementi più ipnotici che Wang incorporerà lungo la strada per costruire queste animazioni e illustrazioni a cui lei non dedica troppo pensiero, ma semplicemente lascia che il flusso vada dalla sua mente alla sua mano a favore di sperimentazioni visive.

Attraverso il matrimonio di tutti questi elementi -con sovrapposizione, angolazioni, riflessioni, ombre e altro- Wang crea spazi tanto onirici quanto realistici che tirano fuori il desiderio di abitarli nel mondo digitale.
Senza dubbio, la sua attenzione sfrenata sull’espressione visiva è la cosa più grande che avrebbe potuto creare per se stessa di fronte a una carriera molto promettente. Per ora, tutto questo l’ha portata a diventare apprendista e stagista per David Thulstrup nello studio dell’architettura e del design. Rifinirà le sue capacità di progettazione industriale, spaziale e grafica, anche se guardando al futuro, Wang mantiene uno spettro professionale ampio e aperto.

Copyright © 2014-2017 Fotolia LLC. All rights reserved.

Sorgente: Fotolia IT » Anny Wang, la massima espressione di flusso visivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

tre × uno =

*

Translate »